Le donne per le donne

Linee programmatiche dell’ADC per il triennio 2018-2020
L’Associazione Donne Consob (ADC) è stata istituita nove anni fa, grazie all’entusiasmo di alcune colleghe che credono nella condivisione di valori ed esperienze come motore della crescita individuale e collettiva.
Le iniziative intraprese nel corso di questi anni sono andate in questa direzione: si è partite dai fatti, con la ricognizione dell’equilibrio di genere in Consob e il confronto con altre Autorità indipendenti, per passare alle azioni, ossia convegni, networking con le Associazioni di altre istituzioni, avvio di programmi di mentoring e coaching.
PRINCIPI
Il direttivo di recente insediamento è intenzionato a proseguire e rilanciare le azioni dei direttivi che lo hanno preceduto facendo leva sui seguenti principi cardine: consapevolezza, sostenibilità, condivisione.
Consapevolezza: è indispensabile per una buona comunicazione interna (percezione delle capacità, limiti, potenzialità e aspirazioni personali) e una buona comunicazione esterna. L’esperienza aiuta così come il supporto professionale: due ingredienti a cui attingere per promuovere se stesse e le proprie idee.
Sostenibilità: conciliare gli impegni e le aspirazioni della vita privata e della vita lavorativa è diventato sempre più sfidante. È importante sviluppare strumenti di gestione e di soluzione di quello che ad oggi continua ad apparire un trade-off.
Condivisione: dall’io all’altro al noi. Muoversi verso l’altro, condividendo conoscenze ed esperienze e supportandolo nella ricerca di consapevolezza e sostenibilità, è una risorsa per noi tutti.
VISION
L’ADC si propone di promuovere e attuare iniziative per lo sviluppo della consapevolezza del proprio ruolo, la ricerca di un equilibrio sostenibile tra sfera personale e sfera professionale, la condivisione di conoscenze ed esperienze.
A tal fine, l’ADC si propone di intensificare le attività di coinvolgimento delle associate, che verranno invitate a esprimere la propria opinione su progetti e iniziative, anche tramite brevi questionari distribuiti periodicamente. Oltre all’assemblea, si intende ricorrere più intensamente ad altri mezzi di condivisione (quale il sito internet dell’ADC che verrà aggiornato e arricchito) e occasioni di incontro e scambio (convegni e seminari).
PROGETTI
Di seguito, i progetti che l’ADC intende sviluppare nel prossimo triennio:
     1. Formazione: seminari con il coinvolgimento di docenti esterni su temi che potranno includere la gestione del tempo, la gestione dello stress e dell’emotività, la valorizzazione del proprio capitale umano (self-branding e communication) e su altri temi eventualmente proposti dalle associate.
     2. Speed coaching interno: incontri di 10 minuti circa finalizzati a risolvere dubbi specifici legati alla vita professionale; gli incontri si terranno con il personale della carriera direttiva che ha manifestato la propria disponibilità.
     3. Mentoring: in collaborazione con i consulenti esterni della Professional Women’s Network (in continuità con l’iniziativa avviata dal direttivo precedente).
     4. Networking: si estenderà la rete di relazioni già tessuta con le associazioni di altre Autorità e istituzioni in generale, media, associazioni femminili.
     5. Welfare aziendale:
         a. Individuazione di spazi e modalità per l’organizzazione di sessioni di pilates/yoga in ufficio
         b. Riattivazione della giornata ‘Bimbi in ufficio’.
6. L'ADC nel sociale: le associate potranno manifestare la propria disponibilità(anche per due-tre ore all’anno) a contribuire ad iniziative (da avviare in collaborazione e tramite la rete territoriale di associazioni no profit, università, enti locali, associazioni dei consumatori) sui temi che le associate vorranno indicare, tra i quali l’educazione finanziaria.